sabato 13 luglio 2013: Foglio

2443bd8031bc618a99cdce29c9f0f4ca

sabato 13 luglio 2013

.

il Foglio

.

Camillo Langone La brutta estate, senza note né sole. Lamentatio langoniana su una stagione sprecata causa assenza di degna colonna sonora. Nemmeno un sondaggio con campione femminile under 30 potrà riempire il vuoto (a meno di farsi piacere il tastierista di Jovanotti)

.

Mattia Ferraresi Il filosofo errante. Economista, sociologo, scienziato della politica: Albert Hirschman, il “contrarian” che preferiva il dubbio. E trovava nella parola il suo rifugio di uomo senza patria

.

Michele Magno Radical chic ’48. Libri e salotti, rivoluzione e femminismo. Marie d’Agoult sposò Liszt, fu amica di Mazzini e con George Sand voleva cambiare il mondo

.

★  Marina Valensise Il genio del revisionismo. François Furet, lo storico della malinconia. Demitizzò la Rivoluzione francese e abiurò il comunismo

.

Giulio Meotti Le nuove streghe. Bigotta e islamofila: i guardiani del politicamente corretto accusano Joyce Carol Oates. E non salvano Mark Twain né Pippi Calzelunghe

.

→ Marianna Rizzini La ministra del primo banco. Così una secchiona del popolo ha scalato tutti i gradini della gavetta berlusconiana, fino alla salute

.

Matteo Marchesini Gian Burrasca, il monello che smaschera le meschinità degli adulti. Altro che Pinocchio. Un Giornalino anche per i grandi. Con le peripezie del suo piccolo eroe, Luigi Bertelli irride un bel pezzo di Italia giolittiana, la sua retorica, l’esotismo, il socialismo imborghesito. E restituisce tutto il colore di un’epoca

.

Fabiana Giacomotti Marlon Brando nel boidoir. Cronaca di un film mai girato. L’attore, dopo “Ultimo tango a Parigi”, sarebbe stato il marchese de Sade

.

Andrea Affaticati Prussiana virtù. Parsimonia, zelo, seno del dovere: Lutero e Weimar per capire la Germania di oggi. Il catalogo ammirato di uno straniero

.

Giuseppe Marcenaro L’altro Schindler. Anche Varian Fry aveva una lista: ebrei, dissidenti, artisti come Ernst e Chagall in fuga dai nazisti. Il grande esodo da Marsiglia

.

Mariarosa Mancuso Nuovo Cinema Mancuso

.

Piero Vietti Il bianco e il nero. Da capitano del Toro a giocatore della Juventus. Nel trasferimento di Ogbonna alla corte di Agnelli c’è molto più di una tifoseria tradita. C’è tutta la freddezza del calcio moderno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...