sabato 15 giugno 2013

tornatore3

Giuseppe Tornatore La migliore offerta

sabato 15 giugno 2013

.

la Repubblica

.

Carlo Bonini, Piero Colaprico, Giuliano Foschini, Marco Mensurati, Fabio Tonacci Chi ci spia 2. Big Data made in Italy così i servizi segreti guardano le nostre vite. I controlli scattano nel 2007 e vengono estesi da Monti nel 2013. Gli 007 possono entrare anche nelle nostre “banche” private. La via italiana al Datagate così due leggi aprono le nostre vite agli 007. Accordi riservati con dieci colossi privati per l’accesso alle loro banche dati
.
.
→ Aldo Busi  Quel che penso (anche) dello Strega. Tra Márquez e Heine, lo scrittore racconta le memorie delle sue interviste tristi. Busi: «Né rabbia né dolore io sono il giudice di me stesso»

.
Massimo L.Salvadori Un nuovo illuminismo per uscire dalla crisi. Il saggio di Carlo Galli sulla rinascita dell’Italia e della buona politica
.
.
Maurizio Ferraris Arte contrattuale. Se la bellezza è sottoscritta dal notaio. Le opere fanno i conti con l’economia. E i documenti sostituiscono l’estetica
.
.
Giorgio Vasta Quando Teresa si arrabbiò col paradiso. Il mio paradiso è deserto di Teresa Ciabatti (Rizzoli)
.
.
.
Corriere della Sera
.
.
Marco Missiroli Sulle tracce degli americani da Lima a Chicago e Key West Llosa e Hemingway nella geografia affettiva di Veronesi
.
.
.
la Stampa
.
.
Fulvia Caprara  Il trionfo di Tornatore e di Mastandrea. Gran sconfitto Reality. Sei premi a “La migliore offerta”, quattro a “Diaz”. I David di Donatello
.
.
Egle Santolini Barenboim: il mio viaggio con il signore dell’Anello. Da lunedì alla Scala l’integrale “Ring” di Wagner
.
.
.
l’Unità
.
.
Francesca De Sanctis L’Italia che spera. Roberto Saviano. Lo scrittore:«La gente ha voglia di costruire ragionando, non urlando». L’autore di «ZeroZeroZero»: «Sono un uomo peggiore da quando scrivo. È una sorta di condanna. Il problema criminale? Resta sempre secondario. Mi convocano per conoscere la mia analisi del potere economico mafioso. Io do la mia versione dei fatti, non so se servirà»
.
.
Maria Serena Palieri Egan, viaggio in America. Parla il premio Pulitzer ospite del«von Rezzori». La scrittrice «È nella sensibilità americana sapere che il nostro Paese è stato costruito da chi si era lasciato il passato alle spalle. Ma questo non significa essere senza memoria»
.
.
Michele Emmer La matematica non delude mai. Neanche al cinema: i numeri immaginari del film di Ozon. Analisi «per cifre» e suggestioni del testo teatrale di Mayorga e della sua riduzione per il grande schermo con il titolo «Nella casa», dove spunta anche Musil
..
.
.
.
il manifesto
.
.
★  Sonia Gentili Il grado zero della letteratura. Esiste ancora un «gene» della letterarietà? La crisi dei codici di rappresentazione ha condotto all’idea che la realtà non sia nel mistero, ma nella sua evidenza e il desiderio dell’altrove si è perduto
.
.
Giuseppe Di Lello La grande truffa del maggioritario. Il saggio di Luciano Canfora
.
.
Nando Vitale Apocalisse allucinata di un clochard. Graphic novel. Il secondo volume di «Blast» del francese Manu Larcenet
.
.
Cristina Piccino Il Beatle che spaventò l’America di Nixon e Fbi. Torna in sala, ma solo lunedì 17 giugno, «Usa Vs. John Lennon»
.
.
.
.
il Sole 24 Ore
.
.
.
.
.
Libero
.
.
Mario Bernardi Guardi Troppo universale per esser preso sul serio. In un’opera omnia da 400 volumi Rudolf Steiner si è occupato pressoché di tutto. Oggi delle sue «verità antroposofiche» rimangono le scuole e il Goetheanum. Pedagogo, architetto e mille altre cose
.
.
Gianluca Veneziani Pensare a piedi come Nietzsche. Elogio della camminata filosofica. Il francese Gros ricostruisce le vite dei più celebri viandanti, da Kant a Proust. E avverte: passeggiare è atto aristocratico che si fa da soli, mai in corteo o per il blocco del traffico
.
.
.
il Giornale
.
.
Stefania Vitulli «Il dono della scrittura? Che trauma perderlo». Patrick McGrath. L’autore di «Spider» e «L’estranea» si confessa: «Nonostante i bestseller, ho subito un rifiuto editoriale. L’incidente mi ha fatto dubitare di tutto»
.
.
Luigi Mascheroni Vita agra d’artista. La rivoluzione timida di Piero Manzoni. Borghesissimo, scanzonato e mite. Al bar Jamaica di Milano una serata in onore del ragazzino che inventò l’avanguardia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...