domenica 27 gennaio 2013: La Repubblica e altri giornali

Ma che ne è dei “fatti sociali” e delle leggi che li governano?
«È stato tutto diluito dentro una pappetta postmoderna. Anzi liquida».
Ce l’ha con Zygmunt Bauman?
«Perspicace. Se la società è liquida, se la paura è liquida, se lo stato è liquido, se la modernità è liquida, allora sa cosa faccio? Metto su dei corsi di nuoto»

60849

Franco Ferrarotti

.

Rassegna stampa delle pagine culturali dei quotidiani:

domenica 27 gennaio 2013 (prima parte)

La Repubblica e altre testate  

.

La Repubblica – La Domenica

.

Nicola Lombardozzi Eduard Limonov. L’uomo che diventò romanzo. Intervista a Eduard Limonov

 

.

Fabio Gambaro Eduard Limonov. L’uomo che diventò romanzo. Intervista a Emmanuel Carrère

.

Katherine Mansfield La lady, il fuoco e la cenere. La giovane nobildonna si precipitò nel camerino del teatro: era quel pianista il suo uomo ideale, non il vecchio ricco e noioso che aveva appena sposato. Dall’antologia ora in uscita il racconto autobiografico della scrittrice neozelandese scomparsa novant’anni fa

.

Nadia Fusini Istantanee d’infinito tra Cechov e Dickens

.

Mario Serenellini La paura che venne dal cielo.  Gli effetti speciali, i tre mesi di riprese per una scena finale lunga dieci secondi, la protagonista all’ospedale con un collasso nervoso. Tutti i segreti del film che cinquant’anni fa cambiò per sempre la nostra idea di gabbiani, corvi e passerotti

.

Umberto Galimberti L’angoscia primordiale dell’imprevedibile

.

Rosaria Amato A caccia di lavoro armati di una rete. Un’azienda su quattro usa social network e siti specializzati in contatti professionali per selezionare il suo personale. Presto non servirà nemmeno inviare il curriculum: l’interazione con i candidati avverrà solo online. Ecco perché per farsi assumere si deve gestire con attenzione la propria reputazione virtuale

.

La Repubblica – Cult

.

Benedetta Tobagi Siamo sicuri che sia social? Un nuovo motore di ricerca per trovare solo ciò che segnalano i nostri amici. Ecco perché quello che Facebook chiama rivoluzione contraddice il concetto di Rete

.

Massimo Recalcati Narciso in trappola nello specchio della tecnologia. Quando i confini tra noi e gli altri si irrigidiscono ci troviamo a difendere una fortezza. Vuota

.

Franco Marcoaldi La vita assieme a un estraneo e ai suoi segreti. Esce il romanzo di Keilson, medico fuggito dalla Germania nazista

.

Licia Granello Gianotti e Higgs grande festa di scienza danza e gourmet

.

Luca Fraioli La fusione fredda e altre storie di falsa scienza

.

Achille Bonito Oliva Alighiero Boetti. Viaggi e incontri di un artista nomade

.

★ Antonio Gnoli Franco Ferrarotti. I ricordi “da uomo di carta”  del padre della sociologia italiana. «Sono nato in mezzo ai libri morirò baciando la loro polvere». Bauman riduce tutto a una pappa insipida. Criticai Marcuse e lui mi minacciò

.

Rodolfo Di Giammarco Quell’Edipo paranoico ricoverato tra i matti. Grande prova d’attore di Carlo Cecchi, protagonista con la regia di Mario Martone, del testo di Elsa Morante scritto 45 anni fa e mai messo in scena fino ad ora

.

Melania Mazzucco L’enigma dell’Acheropita. Autoritratto di Dio

.

Corriere della Sera

.

Mario Andrea Rigoni E Marinetti ricreò VeneziaIn un romanzo inedito il suo odio-amore per la città. Prosa sperimentale e trama esile: uno studente reduce di guerra insegue a lungo una crocerossina

.

Giuseppe Galasso A lezione dalla storia per imparare chi siamo. Si rilegge il passato in base ai problemi attuali. Domani in edicola un affresco dalla preistoria alla globalizzazione. Ogni generazione guarda ai secoli lontani in maniera differente

.

Marco Rossari Quel sottile confine fra la creatività e la follia. Un saggio esplora e ripercorre l’accostamento fra originalità artistica e disagio psichico

.

Ennio Caretto Paul Kennedy: strade e ponti le armi segrete degli imperi. Tecnica e organizzazione valgono di più degli eserciti. La crisi dell’Occidente vista in prospettiva dallo studioso inglese

.

Edoardo Segantini Il copyright, la fabbrica dei media e il segnale che arriva dalla musica

.

Roberto Cingolani Quando il corpo saprà autoripararsi

.

Franco Cordelli Il senso della vita (da cani). La pace perpetua. Attori bravissimi e Jacopo Gassmann è un’autentica sorpresa

.

La Stampa

.

Antonio Scurati Quel pornografico oggetto del desiderio. Torna La sposa nuda di Nikki Gemmell, bestseller della erotic fiction al femminile: e rivela che siamo tutti prigionieri dell’ideologia del sesso

.

Paolo Manzo Uno scheletro nel Lager: la mia amica Anna Frank. Parla Nanette Blitz Konig, sopravvissuta a Bergen-Belsen e compagna di scuola dell’autrice del Diario che incontrò l’ultima volta due settimane prima della fine

.

Lorenzo Soria Essere Steve Jobs “Il ruolo più difficile”. Ashton Kutcher è il “papà” di Apple in “Jobs” presentato al Sundance Il co-fondatore Wozniak: “Noi non eravamo così, ma se il film diverte…”

.

Luca Ricolfi Il requisito minimo della credibilità

 .

L’Unità

.

U: Il Giorno della Memoria

Umberto De Giovannangeli «Ricordare serve al futuro». Solo così sconfiggeremo per sempre l’antisemitismo. Parla Avraham Yehoshua. Lo scrittore israeliano sottolinea che la demonizzazione dell’altro nasce spesso dall’ignoranza ma la cultura non basta: per essere morali bisogna compiere atti morali

.

Frediano Sessi La cultura razzista del Novecento

.

Luciano Violante Shoah, il valore di una pedagogia della verità

.

Jörg Luther Se è giusto che la legge punisca la menzogna

.

Romolo Vitelli Ravensbruck. Storia di Nadja sopravvissuta all’inferno

.

Vladimiro Zagrebelsky Rom e migranti le persecuzioni non bastano mai

.

Alberto Piazza La razza non esiste il razzismo sì

.

David Meghnagi La strategia bellica: salvare gli ebrei obiettivo secondario. Ogni azione che non avesse fini militari era da scartare. Anche la Resistenza non fu chiamata all’intervento

.

Marco Di Capua Cartoline da Parigi. Tutti in fila per vedere le grandi mostre dal Musée d’Orsay al centre Pompidou. Monet, Renoir, Coubert, Dalì, Hopper…Mostre vaste, decisive, complete: ma perché nel nostro Paese gli autori sono fatti a pezzi o inclusi in contesti poco appropriati?

.

il manifesto

.

Franco Giustolisi Giustizia trucidata. L’autore de «L’armadio della vergogna» ricostruisce i motivi per cui la Germania può tenersi stretti i criminali nazisti condannati all’ergastolo in Italia 

.

Il Fatto Quotidiano

.

Solveig Grothe  Il campo modello e il grande inganno dei nazisti. Ritrovate le immagini di Murnau, Baviera meridionale. Prigionieri polacchi in un macabro villaggio-vacanza

.

Grillo, Fo e il guru tra San Francesco e Youporn. Il leader dei Cinque Stelle e il suo alter ego “in viaggio”  con il premio Nobel. Un racconto di chi sono, da dove vengono e cosa vogliono i “rivoluzionari” della politica italiana. Con qualche sorpresa e tante ambizioni per il futuro

.

Malcom Pagani Paolo Poli, la leggerezza di un aristocratico precario. «La gente viene qui perché ho 84 anni e a differenza di quelli della mia generazione, non sono ancora morto»

.

Fulvio Abbate Un pubblico da crème brûlée con lo spettro della Tommasi. Il peggio della diretta

.

Il Messaggero

.

Mario Ajello C’era una volta l’onda rossa dei 70 e la generazione Fininvest

.

Libero

.

Gilberto Oneto Quando il presidente eroe difendeva lo schiavismo. È divenuto l’uomo simbolo dell’emancipazione, ma per anni ritenne che i neri dovessero essere spediti in Africa o Haiti e firmò leggi favorevoli alla segregazione

.

Irene Vallone In scena Craxi, Moro e Berlinguer. Haber perfetto Bettino. La Cescon interpreta la Iotti. E Gifuni tratta il Ventennio. La politica torna a teatro. Mentre nelle sale trionfa il film di Spielberg sul presidente americano Lincoln, crescono le alzate di sipario su grandi personaggi come Craxi, Moro, Berlinguer.

.

Il Giornale

.

Daniele Abbiati Gadda, la cognizione del «colore». La commedia umana di «Verso la Certosa». Tornano dopo oltre mezzo secolo le prose di costume raccolte per ricambiare il dono di un premio…di consolazione

.

Matteo Sacchi Il secondino di san Vittore che salvò i prigionieri ebrei. Le SS non nutrivano le vittime delle leggi razziali: meglio lasciarle morire di fame che deportarle tutte. La guardia Andrea Schivo si oppose. E pagò con la sua vita…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...