La classifica della “Lettura” 2012

.

Corriere della Sera – La Lettura 30 dicembre 2012

Giornalisti e collaboratori dell’inserto del «Corriere» hanno scelto il loro libro dell’anno. Ecco il risultato

.

La classifica della “Lettura” 2012

The winner is… «Limonov»: vince il personaggio vero dalla vita romanzesca trasformato magistralmente in eroe da romanzo dallo scrittore francese. Emmanuel Carrère raccoglie la maggior parte delle preferenze tra i votanti che hanno partecipato al referendum per decidere i cinque migliori libri del 2012. Un gioco che ha coinvolto novantuno redattori e collaboratori dell’inserto culturale del «Corriere» chiamati a esprimersi sui cinque libri più meritevoli del 2012, spaziando tra romanzi italiani e stranieri, saggi e varia, usciti in Italia. Secondo le preferenze del singolo giurato, al primo libro sono andati 10 punti, al secondo 6, al terzo 4, al quarto 2 e al quinto 1 punto; con la possibilità di esprimere anche un solo voto al libro più meritevole.

La top ten pubblicata a fianco è il risultato della somma di 91 classifiche personali: si tratta di scelte che riflettono diverse professionalità, formazioni ed età anagrafiche (dai 18 anni di Davide Francioli agli oltre cento di Gillo Dorfles), ma anche passioni, interessi e «debolezze» private di coloro che hanno accettato di partecipare al referendum; non vengono riportate le singole preferenze, ma nel box sotto sono riportati i nomi di tutti i «giurati».

Il romanzo di Carrère ha totalizzato 127 punti risultando primo in ben otto classifiche personali. Dietro di lui una tripletta italiana racchiusa in un pugno di voti: Paolo Giordano, che ha ottenuto nove preferenze per un totale di 56 punti; Walter Siti (10 preferenze, 52 punti) ed Emanuele Trevi (11 voti che, sommati, danno 50 punti).

Lo scrittore americano John Cheever (1912-1982) ottiene il quinto posto, 47 punti, con I racconti, ma raccoglie altri 27 punti con Una specie di solitudine, uscito anch’esso quest’anno, diventando così, dopo Carrère, l’autore più votato. Prima donna nei best 2012 de «la Lettura» è la canadese Alice Munro con una raccolta di racconti che delinea la figura di una donna, Rose; per la Munro, che totalizza 46 punti, la soddisfazione di quattro primi posti.

Titolo tra i più curiosi e apprezzati (otto preferenze) è quello di Neil MacGregor: il direttore del British Museum ha scritto una storia del mondo attraverso cento oggetti dalla Preistoria alla società globalizzata, dalle armi di due milioni di anni fa alle carte di credito. Il saggio si piazza al settimo posto a pari merito con il romanzo di Alessandro Piperno che ha vinto l’ultima edizione del Premio Strega.

Diario d’inverno, sorta di catalogo della vita di un uomo raccontata attraverso il suo corpo, è il romanzo intimo con cui Paul Auster guadagna 34 voti e il nono posto. Chiude la top ten il primo romanzo «da grande» di J. K. Rowling: l’inventrice di Harry Potter smette i panni della scrittrice per ragazzi costruendo una storia molto british.

Primi tra gli esclusi sono Julian Barnes, vincitore del Booker Prize 2011 con Il senso di una fine, e Aldo Busi con El especialista de Barcelona, che hanno ricevuto numerosi voti — rispettivamente nove e dieci preferenze — ma poco «pesanti».

Se sono i romanzi ad andare per la maggiore, qualche sorpresa arriva anche dai saggi: raccoglie quattro voti, 26 punti, Walter Benjamin su Baudelaire, quattro più del Confiteor di Mucchetti e Geronzi, uscito da poche settimane. Non mancano i grandi autori italiani, da Sciascia alla Morante alla poetessa Amelia Rosselli. E il libro più venduto del 2012, vale a dire le Sfumature? C’è anche quello: il primo atto della trilogia raccoglie 6 punti.

* * *

La giuria:
Silvia Avallone, Pierluigi Battista, Francesco Battistini, Paolo Beltramin, Alessandro Beretta, Alessandro Bertante, Edoardo Boncinelli, Ida Bozzi, Errico Buonan-no, Stefano Bucci, Edoardo Camurri, Paola Capriolo, Antonio Carioti, Paola Casella, Francesco Cevasco, Severino Colombo, Paolo Conti, Franco Cordelli, Valeria Crippa, Matteo Cruccu, Umberto Curi, Serena Danna, Antonio Debenedetti, Marco Del Corona, Barbara Di Gregorio, Paolo Di Stefano, Dario Di Vico, Paolo Fallai, Michele Farina, Alessandra Farkas, Roberto Ferrucci, Dario Fertilio, Cinzia Fiori, Marcello Flores, Giorgio Fontana, Davide Francioli, Marisa Fumagalli, Giuseppe Genna, Fabio Genovesi, Daniele Giglioli, Paolo Giordano, Chiara Lalli, Vivian Lamarque, Vincenzo Latronico, Paolo Lepri, Francesco Longo, Chiara Maffioletti, Mariarosa Mancuso, Giuditta Marvelli, Luca Mastrantonio, Anna Meldolesi, Paolo Mereghetti, Marco Missiroli, Sandro Modeo, Massimo Mucchetti, Corrado Ocone, Chiara Pagani, Pierluigi Panza, Alice Patrioli, Matteo Persivale, Francesco Piccolo, Ranieri Polese, Giovanna Poletti, Gilda Policastro, Alessia Rastelli, Pierenrico Ratto, Luca Ricci, Stefano Righi, Marco Rizzi, Marco Rossari, Giovanni Russo, Nicola Saldutti, Giuseppe Sarcina, Mario Sconcerti, Roberta Scorranese, Edoardo Segantini, Cesare Segre, Filippo Sensi, Beppe Severgnini, Antonio Sgobba, Cristina Taglietti, Armando Torno, Vincenzo Trione, Antonio Troiano, Igor Tuveri (Igort), Angela Urbano, Marco Ventura, Giuliano Vigini, Edoardo Vigna, Guido Vitiello, Giulia Ziino.

* * *

Top 10

.
La nostra opinione

.
Limonov vince (senza partita). Poi tre italiani in sei punti

.

1. Emmanuel Carrère Limonov Adelphi 127 punti

c235eae35411b95e3b1a2f6ff56fab1c_w_h_mw650_mh

2. Paolo Giordano Il corpo umano Mondadori 56 punti

download (7)

3. Walter Siti Resistere non serve a niente Rizzoli 52 punti

1705846_0 (2)

4. Emanuele Trevi Qualcosa di scritto Ponte alle Grazie 50 punti

qualcosa-di-scritto

5. John Cheever I racconti Feltrinelli 47 punti

cheever

6. Alice Munro Chi ti credi di essere? Einaudi  46 punti

978880618353GRA (1)

7. Alessandro Piperno Inseparabili Mondadori 35 punti

cover_gra (2)

8. Neil MacGregor La storia del mondo in 100 oggetti Adelphi 35 punti

7395188a51dbf9281829f726ecf91d89_w_h_mw650_mh

9. Paul Auster Diario d’inverno Einaudi 34 punti

978880621306GRA

10. J. K. Rowling Il seggio vacante Salani 32 punti

il seggio vacante

Un pensiero su &Idquo;La classifica della “Lettura” 2012

  1. 1: classificato -Vorrei chiedere : c’è stata una differenza sui voti a Limonov di Carrère tra maschi e femmine? Mi pare impossibile che le donne abbiano potuto trovare un fascino in un malvagio, megalomane, violento , pericoloso maschilista come L:Io ho dovuto andare a rileggermi FUGA DA BISANZIO di J. Brodski, tanto odiato da L. e tanto inesistente per B. oltretutto l’immagine che la letteratura contemporanea russa dà della mentalità maschile odierna degli uomini russi è fuorviante e parziale.
    2.Il libro di Giordano è ripetitivo e banale. Il personaggio del primo romanzo è lo stesso del secondo : tutta colpa dei genitori–forse Giordano non ha più l’età per tanto infantile astio.
    7.Lo stesso astio stantio nei libri di Piperno ( i due ultimi libri) sono scritti benissimo, certo, ma mi sembrano privi di qualcosa di nuovo da dire.
    11. Il senso di una fine se li mangia tutti 10. Julian Barnes ha scritto un romanzo straordinario, un piccolo trattato di vita che è già un classico.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...